Tivoli, l’Olindo Galli lunedì tornerà a respirare calcio

Dopo circa quattro anni di chiusura, lunedì 23 maggio torna in funzione lo stadio Olindo Galli (foto wikipedia) con la quarta edizione del torneo internazionale di calcio giovanile “Memorial Tito Passini”, organizzato dalla società sportiva Aniene Calcio con il patrocinio del Comune di Tivoli.

Si torna a respirare calcio in un impianto che ha visto l’epoca d’oro della Tivoli Calcio 1919, quella della vittoria in Serie D e dei successivi campionati in Serie C2. Tempi che sembrano ormai lontani e che invece sono ancora nella mente e nei cuori dei sostenitori amarantoblù.

“E’ una grande soddisfazione per l’Amministrazione comunale rendere di nuovo fruibile lo stadio Galli, dopo circa quattro anni di chiusura della struttura – ha dichiarato Alessandro Baldacci, Consigliere del Sindaco per lo sport -. Per rimettere in funzione l’impianto sportivo sono stati necessari molti lavori di manutenzione, realizzati in gran parte dalle squadre comunali del servizio ChiAma Tivoli. Ringraziamo anche l’Aniene Calcio che gratuitamente ha ripristinato il manto erboso del campo principale. Questo è il primo passo importante e concreto verso il pieno utilizzo, da parte delle società e delle associazioni sportive, non solo dello stadio ma dell’intero complesso della Città dello Sport”.

Il complesso della Città dello Sport comprende anche una piscina comunale, un Palazzetto dello Sport e un Campo denominato “C” da destinare all’attività del rugby secondo le intenzioni della stessa amministrazione. Lo sport cittadino dovrebbe essere gestito da una Fondazione che attende adesioni dalle associazioni sportive, almeno questo è l’obiettivo della maggioranza.

I tifosi della Tivoli Calcio 1919, in attesa di un ripescaggio nella categoria della Promozione dopo il secondo posto in Prima Categoria dell’ultima stagione, sperano di poter giocare la prossima stagione nello storico “Olindo Galli” dopo questi anni passati al Campo Ripoli.

Precedente "Il calcio sul web" in radio, puntata 20: e le italiane restano a guardare Successivo Seconda Categoria, alla Virtus Acquapendente la Coppa Lazio