Tivoli Calcio 1919, l’appello dei tifosi

A sei giornate dal termine del campionato di Prima Categoria, la Tivoli Calcio 1919 (fonte foto, sito internet ufficiale) si ritrova a quattro punti dalla capolista Alberone Calcio e domenica disputerà uno scontro diretto delicato con il Tor Pignattara. Le possibilità di successo finale non sono molte e solo nei prossimi 180 minuti si saprà qualcosa in più. Alberone che domenica giocherà contro il Licenza, ultima compagine a fermare la Tivoli Calcio 1919, e poi affronterà il Tor Pignattara. Solo in caso di passi falsi in queste due gare con relativi successi di Cavaliere e compagni, gli amarantoblù potranno tornare a fare sogni di gloria.

Alla città è giunto un appello dalla tifoseria: “La Tivoli Calcio 1919 può essere aiutata solo da noi! I giocatori in campo devono tirare fuori gli attributi e l’orgoglio, sputando sangue fino all’ultima goccia. Sono ragazzi responsabili e ci auguriamo che lo facciano. Ma l’amore per la maglia, il senso di appartenenza, l’orgoglio della Tiburtinità sono cose esclusivamente nostre. Ieri, oggi, domani. Aiutiamoli! Domenica, in occasione della partita contro il Tor Pignattara, doppiamo far esplodere il Ripoli! Gli assidui convincano un amico a venire allo stadio, chi non viene da tempo abbia un sussulto d’orgoglio e si unisca a questa battaglia per difendere la nostra storia e il nostro onore. Dobbiamo essere in tanti! Tifiamo dal primo al novantesimo! Indossiamo le nostre vecchie maglie amarantoblù! Mostriamo le nostre sciarpe! Sventoliamo le nostre bandiere! Anche se tutto sembra difficile, non ci arrenderemo! Noi non arretreremo! Domenica tutti al Ripoli! Per l’onore calcistico di Tivoli, per la maglia, per la città! Per tornare dove una pizza come Tivoli merita! Viva la Tivoli!”.

Una squadra dal passato glorioso, con due anni di professionismo e numerosi trionfi, scivolata nell’inferno della Prima Categoria, continua ad avere una tifoseria da far invidia.

Precedente Lupa Roma beffata dal Foggia al 93' Successivo Lupa Roma avanti con i pareggi