Lupa Roma, i numeri della salvezza

Ripercorriamo gli ultimi momenti della Lupa Roma nel campionato di Lega Pro 2014/2015, giornate indimenticabili perché hanno sancito la salvezza del club del presidente Cerrai nel primo anno nel calcio che conta, quello del professionismo.

Alle 19 e 25 del 25 aprile, a seguito della vittoria per 3-1 sul campo del Savoia, la Lupa Roma può brindare. Una sfida che inizia in salita perché al 30’ il Savoia passa in vantaggio con la conclusione al volo di Di Piazza. Nel secondo tempo entra in campo un’altra Lupa Roma che rimonta e trionfa. Bariti crossa per Del Sorbo che non fallisce l’appuntamento con la rete. Al 7’ è già sorpasso con il rigore di Del Sorbo, doppietta personale. Giochi chiusi al 19’ con il lancio in profondità di Celli per Tajarol, il quale scatta sul filo del fuorigioco, e batte Gragnaniello con freddezza. Questo l’undici dell’impresa: Rossi, Frabotta, Celli (24’ st Curcio), Ferrari (24’ st Tulli), Pasqualoni, Masi, Bariti, Santarelli, Del Sorbo (12’ st Leccese), Cerrai, Tajarol. Gialli per Ferrari e Celli.

A giochi fatti la Lupa Roma cede 2-0 all’Aversa Normanna per effetto delle reti di testa di Cosentino e di precisione di Mangiacasale con la Lupa Roma già in dieci uomini per l’espulsione di Scibilia al 12’ della ripresa per doppia ammonizione. Una prova incolore. Ecco la formazione della Lupa Roma: Di Mario, Frabotta, Celli, Ferrari (18’ st Bariti), Conson (1’ st Leccese), Pasqualoni, Mastropietro (36’ st Faccini), Santarelli, Cerrai, Scibilia.

La scoppola dell’ultimo turno contro il Catanzaro per 5-1 è dettata soprattutto dall’utilizzo di molti giovani in formazione. Debutto tra i professionisti per Marco Losi, nipote del celebre Giacomo Losi (terzino destro della Roma per ben 15 stagioni dal 1954 al 1969). Gol della bandiera e del momentaneo pareggio a firma di Lorenzo Cerrai all’11’ del secondo tempo con un perfetto sinistro dall’interno dell’area di rigore. Per il Catanzaro a segno Russotto su rigore, Ghosheh, Razzitti, Orchi e Giandonato. Punteggio sicuramente troppo severo per quanto visto in campo. Ecco l’undici della Lupa Roma: Santi, Losi, Curcio (5’ st Faccini), Cerrai (14’ st Blasi), Conson, Pasqualoni, Bariti, Santarelli, Leccese (25’ st Tulli), Margarita, Mastropietro. Rosso per Mastropietro al 36’ del primo tempo e ammonizioni per Orchi e Cerrai.

Lupa Roma che ha chiuso la sua prima stagione in Lega Pro con 40 punti conquistati in 38 partite frutto di 9 vittorie, 13 pareggi e 16 sconfitte. Tanti i gol realizzati nelle gare della squadra romana che ha realizzato 40 marcature, subendone 62. Alla fine 13° posto in graduatoria, con sette squadre alle spalle tra cui le blasonate Reggina e Messina.

Precedente Oggi Lupa Roma a porte chiuse Successivo Lo strano caso di Hachim Mastour