Fonte Nuova, per la difesa ecco Razzini

Il nuovo Fonte Nuova del presidente Mario Dionisi e del direttore sportivo Fausto Salfa promette bene. L’ultimo rinforzo è di quelli pesanti e porta il nome del difensore centrale Emanuele Razzini, classe 1984. A 30 anni, Razzini ha l’età giusta per traghettare da solo il reparto difensivo di una squadra che dal centrocampo all’attacco presenta una fase offensiva travolgente. Razzini, come detto, si piazzerà al centro della difesa cercando di contrastare le avanzate degli avversari. Conoscendo il gioco dell’allenatore Giancarlo Oddi (campione d’Italia con la Lazio nel 1974 da giocatore, ndr), offensivo e spettacolare, non mancheranno i momenti che vedranno Razzini nell’uno contro uno, saranno proprio questi faccia a faccia ad esaltare le doti di un giocatore che ha delle caratteristiche ben precise. Forte nel gioco aereo, Razzini garantisce qualche gol con i suoi sganciamenti in attacco. Inoltre il “Razzo”, così viene chiamato dai suoi compagni di squadra, è uno degli interpreti migliori nel suo ruolo anche quando si tratta di rilanciare l’azione grazie alla sua tecnica. Razzini nel corso della sua carriera ha cambiato molte squadre, lasciando sempre un buon ricordo, disputando campionati di alto livello in Serie D e in Eccellenza. Forse a Guidonia e San Cesareo ha dato il meglio fino ad oggi. Razzini, anche considerando la tenuta fisica, ha davanti ancora molti anni di calcio e oggi sembra al massimo della forma. Ricordiamo che il Fonte Nuova disputerà il campionato di Eccellenza, la squadra sta svolgendo la preparazione agli ordini di Pino Giubilei, un preparatore atletico molto stimato nell’ambiente. Giubilei propone uno stile e un approccio duro per quanto riguarda gli allenamenti estivi che rappresentano il momento più importante della stagione. Tutto questo per i calciatori si traduce in corse continue e una grande fatica.

Precedente Nasce lo Sporting Guidonia, subito in Prima Categoria Successivo Italia, presentato il "condottiero" Antonio Conte