L’incredibile storia di Federico Melchiorri

In gol al secondo debutto in Serie A, dieci anni dopo. L’incredibile storia di Federico Melchiorri che nel 2006/2007 giocava la sua prima partita in Serie A con la maglia del Siena per poi ritrovarsi ad un passo dallo smettere di giocare che poi in quel momento non era neanche la sua preoccupazione principale. Il calvario è iniziato il 25 aprile 2010 durante un Giulianova-Cavese e a seguito di un duro scontro di gioco. La diagnosi: un cavernoma alla testa (attorcigliamento dei vasi sanguigni del craino). Sette mesi senza toccare un pallone e tanti dubbi. La seconda parte della sua vita è iniziata in Eccellenza, al Tolentino. Poi la Serie D alla Maceratese nel 2012/2013, anno nel quale ho avuto il piacere di intervistarlo a San Cesareo. Tanta umiltà per ripartire. A seguire Padova in Lega Pro, Pescara e Cagliari in Serie B e finalmente la massima serie. Quando Viviano, portiere della Sampdoria, ha mancato il pallone e Melchiorri ha potuto calciare a porta vuota forse il destino ha voluto dare un segno a questo ragazzo. C’è sempre una seconda opportunità per tutti noi.

Precedente Campo di Tivoli Terme intitolato a Giancarlo Ferrari, cerimonia il primo ottobre Successivo Tentata combine nel calcio laziale: quattro anni al mister Mariani