Xhaka, i fratelli contro

Che storia quella dei fratelli Xhaka che si ritrovano di fronte agli Europei di calcio del 2016, uno con la maglia dell’Albania e l’altro con la maglia della Svizzera con la madre in tribuna con una maglietta celebrativa e le due bandiere. Insomma, i due ragazzi dimostrano di saper giocare e anche bene.

Entrambi sono svizzeri, nati a Basilea, ma Taulant è stato naturalizzato albanese pur avendo fatto la trafila nelle giovanili della nazionale svizzera e giocando in patria con la maglia del Basilea.

E’ anche la sfida tra due allenatori che conosciamo molto bene: l’italiano Giovanni De Biasi (sua la prima storica qualificazione dell’Albania alla fase finale degli Europei) e Vladimir Petkovic, ex allenatore della Lazio con la quale ha vinto una Coppa Italia storica battendo in finale i cugini della Roma.

Al 5’ la gara si sblocca subito con la rete di Schar che da calcio d’angolo stacca più in alto di tutti, anche del portiere Berisha impegnato in una avventurosa uscita. La Svizzera gioca meglio degli avversari per 30 minuti abbondanti. All’11’ primo contrasto deciso tra i due fratelli Xhaka. Berisha inizia la sua giornata alla ricerca del riscatto dall’errore iniziale chiudendo lo specchio a Sferovic. Con il passare dei minuti l’Albania si scrolla di dosso l’emozione del debutto e proprio con Xhaka, servito da Roshi, manda alle stelle un buon pallone. E’ per Sadiku, servito da Hysay, la palla buona ma Sommer di piede respinge. Si complica ancora di più la situazione dell’Albania con l’espulsione di Cana che scivola e tocca il pallone con la mano volontariamente per non permettere all’attaccante avversario di presentarsi solo davanti al portiere, doppia ammonizione e sotto la doccia. Sul calcio piazzato palo di Dzemaili e la Svizzera attacca nel finale della prima frazione per chiudere i giochi ma lo stesso Dzemaili su assist di Lichtsteiner manda a lato, mentre Seferovic trova sulla sua strada Berisha.

Sempre Berisha respinge all’8’ del secondo tempo un tentativo di Seferovic, bravo a liberarsi con un bel dribbling. Entra Embolo nella Svizzera e i ritmi si alzano. Berisha risponde ancora di piede sullo sprecone Seferovic lanciato da un attivo Embolo che al 30’ decide di provarci da solo con un tiro a giro a lato di due metri. L’Albania ha il merito di restare in partita e Cikalleshi conclude sull’esterno della rete da due passi. Dalla parte opposta il talentuoso Shaqiri chiama Berisha alla risposta in due tempi sul primo palo. Un minuto dopo Shaqiri lancia Seferovic che supera il portiere e cade rovinosamente a terra. Gashi, neo entrato, a tre minuti dalla fine della sfida si ritrova solo davanti a Sommer, ha il tempo per guardarlo e indirizza sotto la traversa trovando la risposta da felino di un portiere che si conferma in ascesa nelle quotazioni mondiali. Il numero uno svizzero salva porta e vittoria della sua Nazione.

ALBANIA-SVIZZERA 0-1

(prima giornata Europei 2016)

Albania (4-3-2-1): Berisha 6; Hysay 6.5, Cana 4.5, Mauraj 6, Agolli 5; Kukeli 5, Abrashi 5, Xhaka 6 (16’ st Kace 5.5); Roshi 5.5 (28’ st Cikalleshi 5.5), Lenjani 5.5; Sadiku 5.5 (37’ st Gashi 5.5). All.: De Biasi.

Svizzera (4-3-3): Sommer 7; Lichtsteiner 7, Schar 7, Djourou 6.5, Rodriguez 6; Behrami 6.5, Xhaka 6, Dzemaili 6.5 (31’ st Frei 6); Shaqiri 6.5 (43’ st Fernandes sv), Seferovic 6, Mehmedi 5.5 (17’ st Embolo 7). All.: Petkovic.

Arbitro: Velasco Carballo Carlos (Spagna), voto 5.5.

Marcatore: 5′ pt Schar (Svi).

Note: espulso Cana (Alb) al 36’ pt per doppia ammonizione. Ammoniti Schar (Svi), Kace (Alb), Kukeli (Svi), Mauraj (Alb).

Precedente Che belle quelle lacrime di Payet Successivo Venerdì il primo memorial Tony D'Ippolito