Procaccini (FdI): “Controllo squadre di calcio strumento per islamizzare in Europa”

“Ben dieci le squadre controllate o sponsorizzate da società arabe, tutte rappresentanti delle principali capitali come Parigi, Madrid e Arsenal, o di città europee come Bayer Monaco e Manchester City. E la tra italiane la Roma e il Milan. Questo è un classico esempio di islamizzazione attraverso il soft power del calcio”.

A dirlo è Nicola Procaccini, dirigente di Fratelli d’Italia e candidato alle elezioni europee nel corso della conferenza stampa alla Camera, in cui la Fondazione Farefuturo e l’Ufficio Studi di FdI hanno annunciato il Rapporto annuale sull’islamizzazione d’Europa.

“Oggi il dibattito sulla ‘penetrazione culturale’ dell’Islam è praticamente nullo e questo ci rende deboli sia in Italia e sia in Europa. Questa avviene spesso in maniera subdola, attraverso operazioni di soft power orizzontale, che significa investire in attività culturali, e verticali, cioè in iniziative popolari come il calcio. Nel primo caso, ad esempio, al Salone di Torino c’era un gigantesco stand degli Emirati Arabi con la pubblicizzazione del libro ‘Sharjah – memorie di un emiro illuminato’; mentre il secondo caso avviene attraverso la sponsorizzazione o il controllo di società calcistiche. Entrambe le strategie sono il chiaro segnale di quanto il disegno dell’islamizzazione Europea sia capillare e di facile riuscita, se non si decide di affrontarlo adeguatamente attraverso misure in ambito legislativo che colpiscano i finanziamenti provenienti da quelle Nazioni che sostengono le componenti islamiche estremiste”, conclude Procaccini.

Precedente La David Di Michele Soccer Academy raddoppia: si occuperà anche del settore agonistico dell'Acd Guidonia Successivo Falzerano in visita agli allenamenti dell'Under 19 del Guidonia