Nesta, arriva subito il primo momento difficile da mister

E’ già arrivato il primo difficile momento della carriera da allenatore di Alessandro Nesta, alla guida del Miami nella Nasl. Due sconfitte consecutive dopo due pareggi e la prima vittoria che sembra una maledizione da sfatare.

Nel terzo turno che si è disputato lo scorso 15 aprile lo Jacksonville Armada Fc si è imposto con il punteggio di 2-1. Questo l’undici iniziale scelto da mister Nesta con il 4-3-1-2: Vega (ammonito) tra i pali; Leroux, Trafford, Rusin e Borrajo (ammonito) in difesa; Smith, Adailton e Matuzalem (31′ st Dennis) a centrocampo; Martinez dietro le due punte Cvitanich e Chavez (15′ st Campos). Dopo una buona partenza degli ospiti, Sandoval ha colpito per i padroni di casa al 20′. Immediata reazione del Miami, su una sponda di Adailton è stato Cvitanich a colpire di testa a due passi dalla porta per il momentaneo pareggio al 26′. La gioia, però, è durata poco perché Millien ha subito riportato avanti l’Armada. Secondo tempo meno brillante dove ancora una volta è emersa una condizione fisica da rivedere per il Miami.

In vista della seconda gara casalinga il Miami ha iniziato anche una massiccia campagna pubblicitaria per spingere i tifosi al campo sportivo ed il volto di Wilson Palacios è apparso su tutti gli autobus della città.

Venerdì 22 aprile la quarta giornata con la sfida contro il Rayo. Due cambi nella formazione titolare, con il Miami sempre in campo con il 4-3-1-2; Vega in porta; Leroux (20′ st Dennis), Trafford (ammonito), Rusin e Borrajo (42′ st Chavez) in difesa; Smith, Adailton, Rezenede a centrocampo; Martinez dietro i due attaccanti Campos e Cvitanich (31′ pt Richards). Un inizio shock per i padroni di casa, sotto di due reti dopo 25 minuti con Findley e Forbes capaci di capitalizzare al meglio due assist di Pecka. A complicare le cose anche l’infortunio del bomber Cvitanich, sostituito da Richards. Con uno splendido tiro dalla distanza, dopo il passaggio di Smith, al 36′ è stato Ariel Martinez a riaprire i giochi. Nel secondo tempo il pressing operato dalla squadra locale ha portato buoni frutti al 30′ con la rete di Brad Rusin su assist di Dennis. Ancora una volta i minuti finali hanno giocato un brutto scherzo alla compagine di Miami con il penalty trasformato da Michel.

La prossima partita contro i New York Cosmos è piena di storia: da una parte una squadra appena nata, il Miami, da un’altra quella ha di fatto portato il calcio in America. L’impresa appare veramente impossibile, ma il pallone è bello ed amato in tutto il mondo proprio per questo.

Precedente Miami, contro il Tampa Bay un altro pari Successivo Il guidoniano De Palo (classe 99) verso l'Inter