Miami, piccoli segnali di ripresa

Rieccoci immersi nel magico mondo degli Stati Uniti dove soffre in fondo alla classifica della Nasl, praticamente la Serie B statunitense, il Miami allenato da Alessandro Nesta con appena 3 punti all’attivo dopo 7 partite. Andiamo con ordine studiando quanto accaduto in questo mese di maggio.

Si riparte dal ko per 2-0 contro l’Ottavia Fury rimediato il 30 aprile. Questa la formazione del Miami, in campo con il classico 4-4-2: Vega in porta; Leroux, Trafford, Bernstein e Borrajo (41’ st Rusin) in difesa; Smith (10’ st Dennis), Adailton, Van Kanten (ammonito) (37’ pt Palacios) e Richards (ammonito) a centrocampo; Campos e Chavez davanti. Al 25’ il vantaggio dell’Ottawa con Timbò, raddoppio di Chin al 94’ su assist di Gyorio con un bellissimo tiro a giro sul secondo palo.

Il 7 in campo per una sfida ricca di storia contro i Cosmos, coloro che hanno portato il calcio professionistico negli Usa. Cambio di modulo da parte di mister Nesta che manda i suoi in campo con il 4-1-4-1: Cvitanich (ammonito) tra i pali; Smith, Rezende (ammonito), Martinez e Richards (28’ st Baggio) in difesa; Palacios (1’ st Rusin) mediano; Leroux (1’ st Chavez), Trafford, Adailton e Borrajo (ammonito) a centrocampo; Vega unica punta. Al 18’ Cosmos in vantaggio con Juan Arango che sorprende la difesa del Miami. Reazione che porta al tiro Smith ma il suo tiro viene bloccato. Anche Vega spreca due opportunità. Nel calcio chi sbaglia paga e infatti Farfan raddoppia al 34’. I cambi nell’intervallo non cambiano la musica e al 5’ della ripresa i giochi sono già fatti con la terza rete di Arrieta a tu per tu con il portiere. Fino alla fine solo timidi tentativi per il Miami. “Credo che possiamo fare meglio di quanto fatto vedere oggi”, le dichiarazioni di mister Nesta al termine della sfida.

Contro il Carolina RailHawks mister Nesta decide di riproporre il 4-3-1-2: Vega tra i pali; Trafford (ammonito), Bernstein, Adailton (ammonito) ed il capitano Borrajo in difesa; Smith (37’ st Richards), Ryan e Rezende a centrocampo; Martinez (45’ st Baggio) dietro le due punte Chavez (43’ st Campos) e Cvitanich. L’estremo difensore Vega tiene in piedi i suoi con grandi parate e in una circostanza viene anche aiutato dal palo. Il Miami cresce nella ripresa e Martinez, servito da Cvitanich, manda alto da ottima posizione.

Qualche buon segnale quindi per il Miami con Calvin Rezende che viene anche inserito nella squadra della settimana da parte della Nasl. Miami all’ultimo posto della graduatoria. Prossimo match il 28 maggio contro l’Edmonton, attualmente al secondo posto della graduatoria.

Precedente Seconda Categoria, alla Virtus Acquapendente la Coppa Lazio Successivo A Tivoli la manifestazione "Calciando e culturando"