Miami Fc, esordio sfortunato: la beffa nel recupero

Un pareggio all’esordio del primo campionato nella sua storia per il Miami Fc, la squadra americana che disputa il campionato Nasl (l’equivalente della nostra Serie B), allenata da Alessandro Nesta e che tra i partner vede Paolo Maldini. Per l’ex capitano del Milan dopo la notizia del pareggio della sua squadra è arrivata la scomparsa del grande padre Cesare a far passare in secondo piano questa sua prima volta da proprietario di una squadra di calcio.

Dunque, 1-1 contro il Fort Lauderdale Strikers Football Club davanti a 2500 spettatori.

Miami che è sceso in campo con un 4-3-1-2. Vega tra i pali; Corrales, Rusin, Bernstein e Borrajo a comporre la linea difensiva; Smith, Adailton e Rezende a centrocampo; Martinez dietro le due punte Cvitanich e Chavez. Proprio Martinez con un tiro centrale è stato il primo a creare un pericolo verso la porta avversaria. Sempre Martinez si è guadagnato il rigore che Cvitanich ha trasformato in rete al 12′ del primo tempo con un tiro molto angolato sulla destra del portiere (foto esultanza fonte miamifc.com). Il 2 aprile Cvitanich segna quindi la prima rete nella storia per il Miami. L’espulsione per doppia ammonizione di Corrales durante il primo minuto di recupero complica però i piani della truppa di Nesta.

Entra LeRoux al posto di Cvitanich per il Miami, ad aggiustare l’impostazione tattica dopo il rosso del terzino destro. Al 5′ della ripresa dentro anche Palacios per Bernstein. Nel secondo tempo l’organizzazione difensiva del Miami tiene lontano gli avversari dalla porta di Vega che tuttavia deve compiere un grande intervento d’istinto sulla linea della porta. Miami che in contropiede, sempre con Martinez, sciupa l’occasione del raddoppio a causa di un intervento in extremis della retroguardia di casa. Anche Smith e Chavez rimediano un cartellino giallo. Sembra fatta, ma al 93′ un rigore realizzato da Maicon fissa il risultato sull’1-1.

I tifosi del Miami premiano con il 42 per cento Dario Cvitanich come “Man of the match”, davanti a Mario Daniel Vega e Ariel Martinez con il 21 per cento e Jonathan Borrajo con il 16%.

Il 9 aprile il Miami scenderà in campo per la prima storica gara casalinga contro i Tampa Bay Rowdies, anche loro reduci da un pareggio all’esordio.

Precedente A Subiaco torna il bel calcio, provini con osservatori di A e B Successivo Il guidoniano Mariani incontra Francesco Totti: un messaggio di speranza