Mauro Bencivenga nuovo allenatore del Villalba 1952

Il Villalba 1952 ha scelto Mauro Bencivenga come allenatore per la prossima stagione calcistica, da affrontare nel campionato di Promozione. La presentazione ci sarà venerdì sera presso il centro sportivo Ocres Moca di Villalba.

La situazione è la seguente. Il Villalba 1952, dopo aver vinto dominando il campionato di Prima Categoria, si prepara a disputare un campionato regionale di livello e le strade con il mister Luigi D’Aniello, perfetto alla prima esperienza con squadra di adulti, si dividono. Secondo le voci provenienti dallo spogliatoio alla base della decisione della società alcune differenze di vedute tecniche.

Si riparte dal gruppo storico e da qualche giovane aggregato alla prima squadra. Si punta su un allenatore esperto, Mauro Bencivenga, ex settore giovanile di Roma e Lazio, in prima squadra con esperienze in Albania e Cina e a Pomezia nell’Eccellenza laziale.

Si respira entusiasmo nel quartiere per il ritorno nel calcio regionale.

Probabile per Bencivenga anche un incarico nella scuola calcio. Accanto a lui uno staff di sicuro affidamento, testimonial d’eccezione in vesti ancora da definire David Di Michele che proprio da Villalba ha iniziato la sua carriera da calciatore. Dovrebbe tornare a rivestire un ruolo dirigenziale Giancarlo Di Michele, ex di Guidonia e Villanova.

Il calciomercato ancora non ha portato nuovi innesti, il Villalba 1952 però può puntare sul ritorno tra i pali di Bravetti che proprio nella stagione appena conclusa ha vinto da titolare il campionato con il Serpentara Bellegra Olevano. Una vera sicurezza di 21 anni.

Certa anche la permanenza di Gianluca Fiore, giocatore capace di muoversi tra centrocampo e attacco. In rosa ci sono giocatori che hanno addirittura disputato campionati in Serie D e possono traghettare i più giovani. Il mercato è ancora aperto ed il campionato inizierà domenica 7 settembre, c’è quindi tutto il tempo per rinforzare l’organico e la presenza di Bencivenga può rappresentare uno stimolo in più per l’approdo di nuovi giocatori.

Precedente Carlo Fasoli pensa al ritiro Successivo Prandelli e quelle strane convocazioni