Marchisio a “C’è Posta per Te”

Nella prossima edizione di “C’è Posta per Te” una puntata con un ospite speciale: Claudio Marchisio. Il centrocampista della Juventus sarà protagonista di una storia di rinascita di una famiglia molto legata ai colori bianconeri. Il centrocampista azzurro nella lista degli ospiti di Maria De Filippi all’interno di uno dei programmi migliori degli ultimi anni nel piccolo schermo, in grado di dominare ogni tipo di concorrenza. Spesso i grandi sportivi vengono invitati per cercare di aiutare persone in difficoltà, nel caso di Marchisio per dare un senso alla vita di persone colpite duramente da una realtà spesso ingrata. Marchisio, una volta di più, mostrerà il proprio volto pulito di chi è arrivato in alto grazie al sacrificio riuscendo a trasformare in lavoro la propria passione e la propria fede. Da sempre Marchisio ha vestito la maglia juventina, non tradendola mai (tranne una parentesi di una stagione ad Empoli) per un amore senza fine.

Inizialmente soprannominato “Piccolo Lord” da Federico Balzaretti, è stato successivamente indicato come “Principino” per il suo modo di vestire ed il comportamento in campo. Con la Juventus, Claudio Marchisio ha vinto tutto in Italia: 4 scudetti, 3 supercoppe, 1 coppa Italia e addirittura un campionato di Serie B. In Nazionale vanta già 52 presenze e 4 gol (compreso quello realizzato all’Inghilterra nei Mondiali del 2014). Con l’Italia è arrivato secondo agli Europei del 2012 in Polonia-Ucraina e terzo alla Confederations Cup in Brasile nel 2013. Il mister Luigi Cagni dice di lui: “Claudio è uno dei centrocampisti italiani più forti in assoluto. Ha tutto: forza fisica, inserimento, tiro da fuori, tocco sotto, grande intelligenza dentro e fuori dal campo. Tecnicamente è anche più forte di Tardelli”.

Nella vita privata Marchisio si è sposato con Roberta l’8 giugno del 2008, la coppia ha due figli: Davide, nato il 31 agosto 2009, e Leonardo, nato il 12 marzo 2012.

Precedente CreCas Palombara, la panchina a Baiocco Successivo "Il calcio sul web" in radio! Puntata 1: come non essere romantici con il calcio?