Il ds Angelucci, la “mente” di un Colleferro che sogna

C’è anche il Colleferro tra le candidate alla vittoria del campionato di Eccellenza. La compagine rossonera ha una grande tradizione nel calcio regionale laziale e punta a vincere ancora, forte di un tifo caloroso e di una rosa allestita nel minimo dettaglio dal direttore sportivo Andrea Angelucci. Ex portiere di Serie C e D, Angelucci, classe 1971, ha costruito una squadra di alto livello con un attacco che punta tutto sulla coppia Neri-Morelli senza dimenticare Corrado e Cerroni oltre al giovane Proietti. Il reparto offensivo sulla carta è in grado di garantire 50 gol. L’allenatore Ermanno Fraioli, un “guru” della panchina, considerando gli uomini a sua disposizione, dovrebbe giocare con tre attaccanti e schierare un centrocampo a tre uomini con tanta quantità. In difesa l’esperienza di Marini e la capacità di corsa di Sfanò consentiranno al mister di avere una buona spinta anche dalle corsie laterali, tutti cross per la testa di Morelli, molto abile nel gioco aereo.

Tanti anche i giovani in grado di garantire cambi di qualità e prospettive future. A centrocampo pronto ad esplodere il 18enne Cittadini.

Insomma, questo Colleferro ha tutte le carte in regola per vincere e per dare l’assalto al campionato. Curiosità anche per chi giocherà in porta, parte favorito il 19enne Zazzaro ma scalpitano per una maglia da titolare Liberti e Gagliarducci. Tornare in Serie D è un sogno che può diventare realtà.

A costruire questa squadra, come detto, è stato il ds Angelucci, un passato da numero uno con un record particolare, la vittoria del campionato con appena nove gol subiti in tutta la stagione con il Nepi. Da direttore sportivo ha già vinto una Coppa Italia di Eccellenza contro ogni pronostico (allenatore Enrico Baiocco) e punta ora al campionato. Segnatevi questo nome sul taccuino, un giorno ne sentirete parlare.

Precedente Lega Pro, la Lupa Roma batte il Lecce all'esordio Successivo Valentini (CreCasPalombara): "Non sono un mangia allenatori"