De Filippo riparte dal Villalba 1952

Il Villalba 1952 ha cambiato guida tecnica nel corso dell’estate, passando da Mauro Bencivenga a Daniele De Filippo. Quest’ultimo è in cerca di riscatto dopo aver chiuso male una splendida esperienza a Montecelio (nel curriculum una vittoria nel campionato di Prima Categoria e una in quello di Promozione, ndr) e non aver potuto dare il meglio a Fonte Nuova per vari problemi. Riparte dalla Promozione l’ex allenatore dei cugini dell’Albula. “Non ho potuto rifiutare l’offerta della presidenza – commenta il coach De Filippo -. Mi stavo preparando ad assistere a questo avvio di campionato dalla tribuna. E’ stato un fulmine a ciel sereno. Speriamo di fare bene. Il primo obiettivo è quello della salvezza, considerando i tanti giovani si può costruire qualcosa per il futuro”. E’ una scommessa a tutti gli effetti perché questo Villalba 1952 è stato costruito puntando su ragazzi intenzionati a mettersi in mostra e su giocatori esperti come il centrocampista Vivirito ed il difensore Maretto (ancora alle prese con un grave infortunio, ma intanto il giocatore ha ripreso a correre, ndr). Tra i pali è tornato l’estremo difensore Bravetti, classe 1993, reduce dal trionfo in Promozione con il Serpentara Bellegra Olevano. In attacco Centanni e Zito dovrebbero aiutare Tani, ex Pisoniano ed Empolitana Giovenzano, alla prima esperienza da titolare. In questi giorni non ha svolto allenamenti con la squadra Mattia Ruggieri, un “giallo” di calciomercato il suo. “E’ un po’ giù come tono muscolare, si sta riprendendo da un grave infortunio – le dichiarazioni dell’allenatore De Filippo -. Non ho sentito voci di mercato in proposito”. Il mercato in entrata è ancora aperto: “Con una bella punta davanti e un difensore centrale possiamo disputare un altro tipo di campionato”, prosegue De Filippo. Mercoledì a Fonte Nuova, ore 18, la prossima amichevole. Un altro test contro una squadra di categoria superiore, utile a mettere minuti nelle gambe e ad aumentare la consapevolezza nei propri mezzi.

Precedente Italia, presentato il "condottiero" Antonio Conte Successivo Renzi, la Fiorentina e Roberto Baggio: non è più domenica