Caso “Ferraris”, Grillo (Asd Villanova): “Non è stato possibile trovare una soluzione”

L’Asd Villanova si sta allenando a Tivoli Terme, in un altro comune, sul campo gestito dall’Albula ,una seconda casa per il Presidente della A S D Villanova Calcio Andrea Grillo, recentemente intitolato al grande Giancarlo Ferrari.

Il presidente Andrea Grillo porta avanti una creatura nata nel 2015 con grande passione e grandi difficoltà legate alla mancanza di un impianto sportivo dove poter definitivamente sviluppare un progetto di sport e attività sociale.

Presidente Grillo, come è nato il suo Villanova?

“L’Asd Villanova è nato nel 2015, quando il presidente Massimo Armeni ha abbandonato il comune di Guidonia Montecelio portando il club a Roma. L’idea è stata condivisa da me e alcuni collaboratori con altre  persone che facevano parte della società di Armeni, alcune delle quali oggi non ci sono più e che comunque ringrazio. Sono diventato presidente in corso d’opera. Vicino a me oggi ci sono il vice presidente Ezio Segatori e altri componenti nel direttivo. Ci tengo a precisare che noi tutti abitiamo a meno di 2,5 km dall’impianto A.Ferraris”.

Come siete riusciti a svolgere l’attività nel 2015/2016?

“Ci siamo allenati a Colle Fiorito e Marco Simone, mentre quest’anno siamo a Tivoli Terme con le due squadre Allievi e Giovanissimi e a Roma con la serie D di calcio a 5 femminile”.

Come mai non riuscite ad allenarvi a Villanova, l’impianto di casa?

“Bella domanda, ma forse andrebbe rivolta non a noi. Tralasciando ogni commento sul bando di gara per la concessione e gestione degli impianti sportivi che demando a posteri, faccio semplicemente presente che In estate abbiamo risposto ad un avviso pubblico del comune di Guidonia Montecelio, per poter utilizzare la struttura a tariffe calmierate, come da regolamento. Dopo vari solleciti, la società che gestisce l’impianto ha deciso di mandarci l’orario con la disponibilità dei campi. Questi orari sono impossibili da sfruttare. Come può un ragazzo che frequenta le superiori allenarsi il sabato mattina dalle 10 alle 13? Oppure alle 14 del pomeriggio? O addirittura giocare la domenica pomeriggio alle 18? in riferimento a quest’ultima proprio oggi abbiamo ricevuto risposta dal presidente del Cr Lazio Melchiorre Zarelli che non è possibile programmare gare dei campionati e Tornei regionali e provinciali alle ore 18 della domenica a meno che non sia d’accordo l’avversario di turno.  Noi abbiamo cercato in tutti i modi di trovare una soluzione ma non è stato possibile”.

Eppure un Vostro utilizzo del campo porterebbe nuove entrate alla società che lo gestisce.

“Io non sono a conoscenza di quali dinamiche si avvalga chi gestisce oggi l’impianto ,e di certo non sono problemi miei, ci tengo pero’ a precisare che l’Asd Villanova ha sempre pagato e tramite l’Ufficio Sport del comune di Guidonia Montecelio è possibile constatare tutto ciò. Alla mia società pagare al concessionario o pagare al comune non cambia nulla perché la cosa più importante e chiara che abbiamo in mente è una sola: che bisogna pagare!”.

Effettivamente per i Vostri ragazzi si tratta di un disagio. Chi vi ha accompagnato in questa battaglia?

“In molti ci stanno aiutando.soprattutto moralmente, Abbiamo anche invitato il presidente del Comitato Regionale Lazio Melchiorre Zarelli ad intervenire sulla vicenda per cercare un punto d’incontro. Resto personalmente fiducioso che si possa giungere ad una soluzione intelligente, che possa rispecchiare totalmente quei valori che il mondo dello sport in generale ha l’obbligo di portare in alto: lealtà sportiva e pari Opportunità, la partita deve iniziare da 0-0. Poi vinca il migliore”.

Anche la politica si è interessata al Vostro caso, soprattutto una volta sciolto il consiglio comunale. Non teme che qualche esponente stia approfittando della situazione per ricevere visibilità e poi voti sotto le elezioni?

“La politica nello sport non dovrebbe entrarci nulla,sono pienamente d’accordo, ma poi quando tocchi con mano alcune situazioni ti rendi conto che così non è. Sostenere il contrario è mentire sapendo di mentire. Io ringrazio tutte quelle persone che con sincerità e affetto  continuano ad esserci vicino, in particolare tutti i nostri tesserati, dal primo all’ultimo perché non vorrei dimenticare nessuno.non penso che qualcuno voglia approfittare della situazione per ricevere visibilità e voti. Gli ex consiglieri del Pd da lei citati di voti ne avevano presi tanti alle ultime comunali e non mi pare ci fossero state questioni di campi sportivi allora..no? Ma ribadisco e condivido che sport e politica dovrebbero stare lontani, molto lontani. Sottolineo che Patrizia Carusi è per me una cara amica con cui condivido da tempo impegni nel sociale”.

Ma la domenica dove giocheranno le Vostre squadre?

“Nostra intenzione è giocare al Ferraris, preso atto della nota odierna del presidente Zarelli dell’impossibilità di giocare alle 18 della domenica a meno che non si giunga ad un’accordo con l’avversario di turno. ma la vedo dura. Attendiamo fiduciosi comunicazioni dall’amministrazione che da mesi conosce il problema, ripongo grande fiducia nell’operato dei commissari che sono certo stanno lavorando sodo per trovare la soluzione, una soluzione che quando arriverà accetteremo con grande sportività e serenità perché mai come ora ci siamo sentiti totalmente garantiti nei nostri diritti, conoscendo ovvio in primis i nostri doveri”.

Perché secondo lei non si riesce ad arrivare ad una soluzione?

“Non sono in grado di rispondere a questa domanda. Forse qualcuno ha paura del nostro modo di fare, magari diamo fastidio perché vedono in noi una realtà che potrebbe crescere molto. Eppure un territorio dovrebbe permettere di fare sport a chi nel corso della sua vita ha dimostrato competenze in grado di dare una speranza ai nostri giovani (con il fratello Bruno sono stati molti i giocatori indirizzati verso il professionismo da parte di Andrea, nda)”.

Dall’alto della sua esperienza, signor Grillo, come vede il calcio di oggi?

“C’è chi continua ad intenderlo come un’azienda ma non è così. Magari deve essere gestito come tale. Nel calcio, però, esistono valori che non si comprano e sono quelli che fanno la differenza. Vede, nonostante tutto quello che continuiamo a subire siamo ancora vivi grazie a tutti i sacrifici fatti insieme ai nostri tesserati. Solo per la passione e l’amore per lo sport”.

Ricapitoliamo. Per poter usufruire delle 16 ore settimanali a campo a tariffe calmierate bisognava partecipare all’avviso pubblico del 20 luglio 2016 indetto dal comune di Guidonia Montecelio, l’Asd Villanova ha risposto per tempo. Anzi, è stata l’unica per l’Attilio Ferraris. Chi gestisce il campo e cioè il Villalba Ocres Moca 1952 ha fatto il proprio dovere, elencando le ore disponibili che sono effettivamente difficili da poter utilizzare per ragazzi che frequentano la scuola superiore. Le parti dovrebbero aggiornarsi a breve per trovare un punto d’incontro. 

Precedente Gentili esonerato dalla CreCas: "Accetto una decisione che non comprendo" Successivo Stadi vuoti, i passi per riportare la gente allo stadio