“Il calcio sul web” in radio! Puntata 10: il ruolo del portiere, ospite il preparatore Maggiani

Il ruolo del portiere è in continua evoluzione, oggi è importante studiare metodi alternativi di allenamento per riuscire ad ottenere ottime prestazioni dal proprio numero uno. Mercoledì 13 gennaio abbiamo avuto ospite nei nostri studi di via Palatina a Tivoli, nella decima puntata del programma radiofonico “Il Calcio sul Web” su “Essere Web Radio”, il preparatore dei portieri della Lupa Roma (Lega Pro) Emanuele Maggiani, fresco di licenza Uefa ottenuta nel corso di Coverciano insieme a compagni di corso dal calibro di Francesco Antonioli e Giorgio Frezzolini. La sua tesi di laurea si è basata sullo svolgimento del prepartita di un portiere. “La domenica è la festa del portiere – l’intervento in radio di Maggiani – quindi come preparatore intervengo poco sulla scelta del lavoro da svolgere prima della partita. Se il portiere desidera lavorare sulle palle alte allora lavoriamo sulle palle alte, se opta per dei movimenti tra i pali allora ci muoviamo in quel modo. La prestazione in gara dipende da numerosi fattori. E’ ovvio che i dati possono aiutarci durante la settimana. Ad esempio la scorsa stagione i nostri portieri della Lupa Roma hanno preso gol da fuori area solo tre volte su 64 gol subiti”. L’attuale titolare della porta della Lupa Roma è Michele Mangiapelo, classe 1986, estremo difensore ex Ferentino (Serie D) e Grosseto (Serie B) oltre ad un percorso da tesserato del Frosinone che sta pensando di farlo tornare a casa come terzo portiere. Maggiani ha parlato anche della sua scuola dei portieri, “Imparando Foowel”, aperta insieme all’ex portiere dell’Empoli Davide Quironi (anche ex preparatore di Frey alla Fiorentina), ora con cinque sedi in tutta Italia e con oltre 150 iscritti. Un nuovo modo di intendere l’allenamento dei portieri basato soprattutto sulla reattività e sul tempo della risposta.

Precedente I giovani da schierare, il Cr Lazio incontra le società Successivo "Il calcio sul web" in radio! Puntata 11: Italia, un futuro per Capello